Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Si cerca intesa sul gasdotto Tap
08/06/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Sul Tap non si torna indietro. Le dichiarazioni del ministero dell’Ambiente Costa, sulla “revisione del Tap, data la sua inutilità a fronte dei minori consumi di gas” vanno rilette da questa angolazione. I consumi di gas risultano in crescita da 12 trimestri consecutivi: dai circa 62 miliardi di metri cubi del 2014 si è passati ai più di 75 miliardi del 2017, di cui l’Italia importa il 90%. Nel 2020, quando il Tap dovrebbe entrare in attività, andranno in scadenza contratti di fornitura per 35 miliardi di metri cubi annui di gas, per i quali non sono ancora stati definiti i termini della rinegoziazione. Dietro il gasdotto ci sono sei società, Snam, Socar, BP, Fluxys, Enagas e Axpo, tre delle quali sono quotate, già impegnate con finanziamenti ,aumenti di capitale sottoscritti e versati, contratti di approvvigionamento del gas con gli azionisti del giacimento azero di Shah Deniz, e appalti in essere con i fornitori, molti dei quali sono italiani, per un investimento complessivo di 4,5 miliardi di euro.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]

Trivellazioni a largo di Cipro. Braccio di ferro tra UE e Erdogan

Acque agitate al largo di Cipro, dove Ankara sta portando avanti da giorni trivellazioni per la ricerca di idrocarburi. Ieri, dopo una settimana di avvertimenti, la Ue ha stabilito un primo round di sanzioni politiche ed economiche alle quali Ankara ha re
[leggi tutto…]