Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il ceo di Lakatos rileva il gruppo energetico Met
31/05/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Il gruppo Met, società svizzera leader del mercato energetico con 7,59 miliardi di ricavi nel 2017, cambia pelle con un management buy-out e sarà controllato da Met Capital Partners AG, veicolo del ceo del gruppo Benjamin lakatos, mentre il management di Met parteciperà all’azionario tramite un programma di offerta di azioni fino al 20% attraverso il veicolo Met ManCo AG, dal 2012 proprietario del 10% insieme agli azionisti uscenti Wisd Holding (50%) e Mol Group (40%), andando a creare un azionario che vedrà la cerchia dei manager coinvolti estesa a 50-70. Questa operazione, seguita da Ing Bank, è il primo tassello di un processo che in un secondo momento attirerà capitali per aumentare le dimensioni del gruppo. Come specificato da Lakatos “l’operazione va oltre il cambio di proprietà perché risponde all’obiettivo di creare una struttura per dotare la società in una chiara direzione strategica. A causa della crescente concorrenza legata al consolidamento dei mercati energetici dell’Unione Europea, le dimensioni societarie sono tornate ad avere un ruolo preminente. Abbiamo realizzato questa operazione perché Met punta a dotarsi di un capitale significativo per espandersi nel mercato e questa operazione rappresenta il primo passo”. Met è presente in Italia dal 2017 tramite la controllata Met Energia Italia, attiva nella fornitura di gas naturale in particolare ai grandi consumatori industriali. L’obiettivo sarà entrare nel mercato delle pmi e ampliare l’offerta alla vendita di energia elettrica. “L’obiettivo di Met Energia Italia è l’ingresso nel mercato delle pmi nell’estete” dichiara l’ad Rebuzzioni, sottolineando che “in Italia Met è già partner tecnico di Gas Intensivi, consorzio che raggruppa 271 aziende socie delle associazioni di categoria confindustriali caratterizzate da un elevato consumo di gas”.

Fonte: MF – Nicola Carosielli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Greggi in aumento. Le tensioni sulla Brexit e in Siria aumentano la volatilità

Le quotazioni del petrolio hanno inanellato due sedute positive, nonostante il rafforzamento del dollaro sull'euro.
[leggi tutto…]

Saipem trova il tris in Australia

Due notizie hanno aiutato Saipem nella risalita in borsa di ieri, che ha visto il titolo chiudere a 3,86€ con un guadagno del 2,4%.
[leggi tutto…]

“Blocca trivelle”, l'impatto sulle attività upstream

In attesa che la maggioranza di Governo prenda una decisione sul cosiddetto “blocca trivelle”, è importante mettere a fuoco i riflessi che le misure restrittive che si vorrebbero adottare potrebbero avere sulle attività upst
[leggi tutto…]