Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il caro petrolio frena la corsa del Pil
23/05/2018 - Pubblicato in news nazionali

Tutta colpa di variabili esterne come la guerra commerciale scatenata da Trump con i dazi e l’aumento dei prezzi del petrolio. Ma le prospettive per l’economia italiana, secondo l’Istat, prevedono una crescita del prodotto interno lordo dell’1,4% in termini reali. Meno del +1,5% confermato alla fine di aprile dal ministro dell’Economia uscente Padoan, che presentando il Def l’aveva definita un cifra che riflette un atteggiamento prudenziale di quello che l’economia può produrre. Restano alcuni rischi al ribasso rappresentati da una più moderata evoluzione del commercio internazionale e da un incremento più accentuato del prezzo del petrolio, spiega il presidente dell’Istat Alleva. Lo scorso 9 maggio anche il vicedirettore generale di Bankitalia Signorini davanti alle Commissioni speciali di Camera e Senato ha previsto che l’economia italiana crescerà quest’anno dell’1,4% e nel 2019 e 2020 dell’1,2%.

Fonte: Il Giornale – Camilla Conti (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]