Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La carbon tax unisce ecologisti e petrolieri
02/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

Diverse major del petrolio sono finite in schieramenti improbabili insieme a gruppi ambientalisti impegnati nella richiesta di un nuovo regime fiscale diretto agli enti responsabili dell'inquinamento dell'aria, come le centrali elettriche a carbone. Uno dei motivi principali? Tali imposte probabilmente si tradurranno in qualcosa di positivo per il loro business nel gas naturale. I colossi dell'energia, tra cui Royal Dutch, Shell e Bp, sperano nella cosiddetta carbon tax che costringerebbe al pagamento per le emissioni e probabilmente aumenterebbe i costi di produzione, facendo crescere anche la domanda di gas naturale, una sezione sempre più significativa della loro produzione. Tali piani potrebbero aprire nuovi mercati in Cina e in altre aree affinché il gas subentri al carbone. La maggior parte dei progetti che prevedono una carbon tax in discussione non colpirebbe molto i carburanti per il trasporto che la maggioranza delle compagnie petrolifere già vendono, spiega l'Ocse. Il carburante per auto è già pesantemente tassato in gran parte del mondo, mentre la produzione elettrica a carbone spesso non lo è. Player come Bp, Shell e Total hanno unito le forze in questi mesi per sollecitare un intervento sul cambiamento climatico, richiedendo delle tasse per incoraggiare l'uso di gas combustibile più green. Per Kurt Van Dender, responsabile dell'unità fiscale e ambientale dell'Ocse, l'appoggio a un simile regime comporta un rischio relativamente basso per le compagnie petrolifere. Circa F 80% delle emissioni fossili negli Stati Uniti e in Europa proviene da centrali elettriche e grandi siti industriali che utilizzano in larga misura il carbone. Dipingere «il carbone come il male e il gas come la soluzione» non è un approccio produttivo sul lungo periodo se il fine è porre un freno al cambiamento climatico, ha commentato Daniel Litvin, managing director di Critical Resource.

Fonte: MF – Sarah Kent e Justin Scheck (pag.10)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]