Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Calenda allo Sviluppo la mossa del premier
09/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il Ministero dello Sviluppo economico ha un nuovo titolare: Carlo Calenda. Lo ha annunciato ieri sera il premier in tv a “Che tempo che fa”. Renzi, spiegando di aver già condiviso la scelta con il Presidente della Repubblica, ha precisato che la nomina di Mattarella avverrà entro questa settimana. Calenda, nipote di Luigi Comencini (è figlio di Cristina), 43 anni compiuti un mese fa, ha una lunga esperienza come dirigente d’azienda. Dopo aver lavorato in Ferrari ha guidato l’ufficio marketing di Sky ed è stato, tra il 2004 e il 2008, direttore dell’area strategica e affari internazionali di Confindustria. Calenda vanta già una doppia esperienza al Mise come viceministro con il Governo Letta e successivamente con l’attuale esecutivo. Un ruolo, quest’ultimo, lasciato il 21 marzo scorso con la nomina di Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea. «A noi serve uno che sia in grado di maneggiare un ministero importante come quello – ha affermato Renzi – e che abbia l’intelligenza per ragionare del futuro, che vuol dire innovazione, manifattura 4.0, investimenti nelle aree di crisi».

Fonte: Il Messaggero – Michele Di Branco (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]