Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Calenda allo Sviluppo la mossa del premier
09/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il Ministero dello Sviluppo economico ha un nuovo titolare: Carlo Calenda. Lo ha annunciato ieri sera il premier in tv a “Che tempo che fa”. Renzi, spiegando di aver già condiviso la scelta con il Presidente della Repubblica, ha precisato che la nomina di Mattarella avverrà entro questa settimana. Calenda, nipote di Luigi Comencini (è figlio di Cristina), 43 anni compiuti un mese fa, ha una lunga esperienza come dirigente d’azienda. Dopo aver lavorato in Ferrari ha guidato l’ufficio marketing di Sky ed è stato, tra il 2004 e il 2008, direttore dell’area strategica e affari internazionali di Confindustria. Calenda vanta già una doppia esperienza al Mise come viceministro con il Governo Letta e successivamente con l’attuale esecutivo. Un ruolo, quest’ultimo, lasciato il 21 marzo scorso con la nomina di Rappresentante permanente dell’Italia presso l’Unione europea. «A noi serve uno che sia in grado di maneggiare un ministero importante come quello – ha affermato Renzi – e che abbia l’intelligenza per ragionare del futuro, che vuol dire innovazione, manifattura 4.0, investimenti nelle aree di crisi».

Fonte: Il Messaggero – Michele Di Branco (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]