Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa E' caccia al gas in Adriatico; caos sulle nuove concessioni
23/11/2015 - Pubblicato in news nazionali,normativa

Nel suo tentativo di intercettare la ripresa - e creare nuova occupazione - l'esecutivo guidato da Matteo Renzi ritiene di aver individuato nel settore dell'estrazione di idrocarburi una occasione da non sprecare. Oltre a dare un contributo positivo alla bilancia dei pagamenti. Perché l'Italia, dopo la Gran Bretagna e la Norvegia, possiede nel suo sottosuolo le maggiori riserve di petrolio d'Europa, nonché i più grandi giacimenti sulla terraferma, nella Val d'Agri della Basilicata. E si piazza anche tra il quarto e il sesto posto per il gas, a seconda se si considera la quantità estratta o quella delle riserve accertate. Secondo i dati del 2014, in Italia si sono estratti 115 mila barili di petrolio al giorno, pari al 10,3 per cento del fabbisogno nazionale; mentre si è reso disponibile gas metano per 7,3 miliardi di-metri cubi, quantità che corrisponde circa al 12 per cento dei consumi complessivi nazionali. Il tutto grazie a 886 pozzi attualmente in attività. Una produzione autarchica che contribuisce per 4,5 miliardi alla riduzione per la bolletta energetica nazionale. “Ma, secondo le riserve già accertate e che quindi siamo sicuri che ci sono e che sono solo da an dare a prendere - spiega Pietro Cavanna, vicepresidente di Assomineraria - potremmo raddoppiare la produzione e raggiungere il 20 per cento complessivo del nostro fabbisogno”.

Fonte: La Repubblica A&F – Luca Pagni (pag.1)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]