Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bts Biogas, nuovi capitali dagli Usa
18/01/2017 - Pubblicato in news nazionali

BTS Biogas, azienda tecnologica attiva nella trasformazione biologica dei rifiuti organici in energia e fertilizzanti organici, ha annunciato l'acquisizione di una quota di minoranza e l'investimento di un “capitale significativo” da parte di un gruppo statunitense. L'operazione, si legge in una nota, è stata portata a termine da Virtual Equity Partners, LLC e i membri Shawn Kreloff e Steve Lefkowitz, con la partecipazione di ulteriori importanti investitori. Shawn Kreloff è managing partner di Virtual Equity Partners e vanta oltre 25 anni di esperienza in investimenti in ambito tecnologico. Gli oltre 100 milioni di dollari in capitale investito rappresentano 2,5 miliardi in valore d'impresa. Steve Lefkowitz è managing partner di SML Capital, un'impresa di private equity da lui creata nel 2015. Prima della fondazione di SML Capital, è stato cofondatore, presidente e chief operating officer di CI Capital Partners, un'impresa di New York specializzata in investimenti di private equity, con la gestione di un portafoglio del valore approssimativo di 2 miliardi di dollari. Steve Lefkowitz ha partecipato alla fondazione dell'azienda nel 1993 e, fino al 2014, ha presieduto a 150 acquisizioni per un valore totale d'impresa di 7 miliardi di dollari. BTS Biogas, la cui sede si trova a Brunico in Alto Adige, ha realizzato oltre 200 impianti a biogas negli ultimi 10 anni. L'azienda si sta sviluppando in diversi paesi europei progettando e realizzando impianti nel Regno Unito, in Francia, in Repubblica Ceca, Polonia e Svizzera. Recentemente ha concluso positivamente ulteriori trattative per la realizzazione di nuovi impianti in Francia, Giappone e Tailandia. L'azienda conta oltre 80 impiegati e ha clienti in diversi settori: dalla trasformazione agroalimentare ai comuni, dalle aziende agricole alle cooperative.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]