Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa È un brutto momento per Riad
12/01/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il prezzo del petrolio è schizzato ai massimi dal 2015 (abbondantemente sopra i 62 dollari al barile) dopo che dal Golfo sono arrivate diverse notizie che hanno preoccupato gli investitori: purghe saudite, arresti condotti dal comitato anticorruzione creato dal principe Bin Salman, le dimissione del primo ministro libanese. Il Golfo vede la propria economia vincolata dal basso prezzo del petrolio. Una questione chiave del piano avviato da Bin Salman per diversificare l’economia del paese saudita sta nella quotazione del gigante petrolifero statale Saudi Aramco. Trump ha invitato Riad su twitter a quotare la compagnia al New York Stock Exchange, mettendosi in mezzo nella disputa tra i giganti delle negoziazioni finanziarie. Sulla fase dei nuovi rapporti tra sauditi e americani, c’è il petrolio. Secondo l’ultimo World Oil Outlook rilasciato ieri dall’Opec, il futuro del mercato del bene sarà ancora segnato dal confronto tra lo shale oil americano e il greggio estratto dai reservoir classici.

Fonte: ItaliaOggi – Emanuele Rossi (pag. 9)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]