Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Brutte notizie dalla Libia
13/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

A un mese e mezzo dall'accordo annunciato dalla Noc (National Oil Corporation) per lo sblocco dei terminali petroliferi di Ras Lanuf, Es Sidra e Zueitina controllati dalle guardie della Petroleum Facilities Guard (PFG), blocco che da mesi stava a sua volta impedendo la produzione di importanti giacimenti petroliferi e del gas, la notizia che sono caduti sotto il controllo delle milizie del generale Haftar, appoggiato dal parlamento di Tobruk e dal governo egiziano e ostile al governo di Tripoli appoggiato invece dall'Onu, riporta in alto mare la soluzione per via diplomatica del nodo libico. Si tratta di infrastrutture essenziali per garantire la regolare gestione di giacimenti che fanno capo, oltre che a Eni, a Hess, Suncore Energy, OmV, Repsol e Total, e per alimentare un flusso di risorse finanziarie che fanno gola a tutti i contendenti. Senza le quali il caos in cui versa il paese nord-africano rischia di andare definitivamente fuori controllo.

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Il gas torna più caro in Europa con la CO2

Sul principale hub nel Vecchio continente, il Ttf olandese, il gas è arrivato a 14 €/MWh sul mercato del giorno prima
[leggi tutto…]

Border tax, Ets e neutralità carbonica: le promesse di Von der Leyen

Obiettivo di neutralità climatica al 2050 entro i primi 100 giorni di mandato da presidente: questa la promessa contenuta nelle lettere con cui Ursula von der Leyen chiede l'appoggio dei Socialisti e democratici e ai Liberali di Renew Europe p
[leggi tutto…]

Transitgas, così le cessioni Eni nel quarto trimestre

Nell'ambito delle procedure Eni per la cessione di capacità di trasporto gas dal Nord Europa avviate la scorsa estate per l'anno termico 2018-2019, Eni ha reso noto oggi il numero definitivo di lotti offerti relativamente al 4° trimes
[leggi tutto…]