Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Brutte notizie dalla Libia
13/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

A un mese e mezzo dall'accordo annunciato dalla Noc (National Oil Corporation) per lo sblocco dei terminali petroliferi di Ras Lanuf, Es Sidra e Zueitina controllati dalle guardie della Petroleum Facilities Guard (PFG), blocco che da mesi stava a sua volta impedendo la produzione di importanti giacimenti petroliferi e del gas, la notizia che sono caduti sotto il controllo delle milizie del generale Haftar, appoggiato dal parlamento di Tobruk e dal governo egiziano e ostile al governo di Tripoli appoggiato invece dall'Onu, riporta in alto mare la soluzione per via diplomatica del nodo libico. Si tratta di infrastrutture essenziali per garantire la regolare gestione di giacimenti che fanno capo, oltre che a Eni, a Hess, Suncore Energy, OmV, Repsol e Total, e per alimentare un flusso di risorse finanziarie che fanno gola a tutti i contendenti. Senza le quali il caos in cui versa il paese nord-africano rischia di andare definitivamente fuori controllo.

Tag Clouds

 

Ultime notizie

0,5 milioni di barili al giorno: è il deficit di offerta di petrolio stimato dall’Aie per il secondo trimestre del 2019

Il mondo si potrebbe trovare senza petrolio.
[leggi tutto…]

L’Italia, tagliata fuori dalle rotte del gas, perde la partita

L’Italia sembra aver già perso l’opportunità di diventare hub del gas.
[leggi tutto…]

Italia-Cina, domani intese per Eni e Snam

"Con Bank of China sarà firmato nella giornata di sabato 23 marzo, un Memorandum of Understanding che rafforza la collaborazione su vari strumenti finanziari tra Eni e Bank of China".
[leggi tutto…]