Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Brent sfiora i 78 dollari. E anche il dollaro sale
11/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio continua ad essere un tema dominante dei mercati finanziari, dopo la decisione del Presidente Trump di calcellare l’accordo sul nucleare con l’Iran, che era stato firmato nel 2015, sollevando molti interrogativi sulle possibili ripercussioni sull’economia mondiale. Ieri l’andamento della quotazione del barile è stato influenzato da un avvia di mattinata al rialzo, quando ha toccato nuovi massimi dal novembre del 2014, per poi chiudere sui livelli di mercoledì. Il Brent si è fermato a 77,20 dollari, dopo aver sfiorato quota 78 dollari negli scambi mattutini, mentre il Wti è tornato a 71,14 dollari. In un mese il prezzo dell’oro nero è salito del 10%, ma anche il dollaro ha guadagnato più del 3%, smentendo la correlazione negativa che c’è fra i due asset.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Grigio, blu o verde. I conti in tasca all’idrogeno arcobaleno

Pronti, via, anche l’Italia entra ufficialmente nella partita dell’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas Intensive, "la battaglia sullo spread di prezzo è alla fase decisiva"

Intervista a Paolo Culicchi, voce storica dell'industria manifatturiera e energy intensive italiana e presidente del consorzio dei grandi consumatori di gas Gas Intensive
[leggi tutto…]

L’industria del gas taglia le emissioni di metano

La direzione è stata messa nero su bianco nella Strategia Ue presentata a ottobre che fissala road map per ridurre le emissioni di metano sia nel Vecchio Continente che a livello internazionale
[leggi tutto…]