Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il Brent sfiora i 78 dollari. E anche il dollaro sale
11/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

Il petrolio continua ad essere un tema dominante dei mercati finanziari, dopo la decisione del Presidente Trump di calcellare l’accordo sul nucleare con l’Iran, che era stato firmato nel 2015, sollevando molti interrogativi sulle possibili ripercussioni sull’economia mondiale. Ieri l’andamento della quotazione del barile è stato influenzato da un avvia di mattinata al rialzo, quando ha toccato nuovi massimi dal novembre del 2014, per poi chiudere sui livelli di mercoledì. Il Brent si è fermato a 77,20 dollari, dopo aver sfiorato quota 78 dollari negli scambi mattutini, mentre il Wti è tornato a 71,14 dollari. In un mese il prezzo dell’oro nero è salito del 10%, ma anche il dollaro ha guadagnato più del 3%, smentendo la correlazione negativa che c’è fra i due asset.

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]