Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Brasile, maxi centrale da 1,5 GW più nave Gnl
21/10/2016 - Pubblicato in news internazionali

Il Cda di Golar Power, joint venture tra il costruttore di mezzi da Gnl Golar Lng e la società di private equity Stonepeak, ha preso lunedì la decisione finale di investimento per un grosso progetto di generazione di energia nella regione di Sergipe, nel nord-est del Brasile. La società di progetto CELSE subentrerà a General electric con un contratto EPC (engineering, procurement, construction) “chiavi in mano” per la gestione e l'esercizio di un ciclo combinato da 1,516 GW situato nei dintorni di Aracaju, capitale dello stato di Sergipe. Il contratto EPC costituisce il grosso del costo del progetto, approssimativamente l'80%, e prevede la cessione pro-soluto da General Electric ai due partner Golar Power ed Ebrasil, quindi le passività saranno limitate solo a livello di progetto, motivo per cui è stata costituita la società apposita CELSE. Una volta completata, quella del progetto Sergipe sarà la più grande centrale termoelettrica in Sud America e riuscirà a supplire al calo della fonte idroelettrica nei mesi secchi, permettendo quindi di soddisfare la domanda energetica crescente in Brasile per almeno 25 anni a partire dal 2020. Rientra nel progetto anche la nuova unità di rigassificazione FSRU di Golar Nanook che entrerà in funzione nel novembre 2017 e in cui sarà possibile allocare fino a 170.000 mc di gas naturale liquido. Golar power possiede interamente l'unità di stoccaggio flottante e ha aumentato lo scorso anno la propria partecipazione nel progetto di Sergipe dal 25 al 50%. Crede molto alle potenzialità della centrale Eduardo Antonello, ceo di Golar Power, che si è detto entusiasta per un progetto che mostra una solida base finanziaria. Con questo progetto, ha continuato, Golar Power sarà in grado di sviluppare una struttura che permetterà soluzioni integrate flessibili e efficienti in termini di costi per la fornitura di gas.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]

Assomet alla Camera: colmare gap di costo gas per l'industria

Migliorare la regolazione dei transiti gas tra Paesi eliminando le penalizzazioni per l'Italia dovute all'effetto "pancaking" delle tariffe di trasporto; allineare i costi del gas per l'industria italiana a quelli del Nord Europa
[leggi tutto…]