Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il boom del gas liquefatto: in Italia vale già 1,7 miliardi
27/05/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il mercato del Gnl ha ripreso a correre, l’accelerazione c’è stata nel 2018 ed è continuata nel 2019. Promettenti anche le previsioni per il prossimo anno, secondo alcune stime da qui al 2040 il mercato del gas liquido crescerà a ritmi del 10% ogni anno e sarà probabilmente l’unico combustibile in circolazione capace di accompagnare la transizione. Gli studi di settore promettono che, in prospettiva, i campi di applicazione del metano liquido saranno enormi: dai trasporti ferroviari ai servizi pubblici regionali, fino all’alimentazione delle reti. I numeri sullo stato dell’arte del Gnl arrivano dal rapporto annuale di Giignl, l’associazione no profit che riunisce 83 società del settore di 26 Paesi. I numeri del rapporto certificano per il 2018 anche l’aumento della durata media dei contratti , i paesi più attivi nell’esportazione sono Stati Uniti e Australia. Ad oggi il Gnl si presenta come il combustibile meno inquinante per i trasporti marittimi. Per quel che riguarda l’Italia la strategia di Edison prevede, nello small scale Gnl, di raggiungere il 25% del mercato italiano entro il 2030 e la costruzione di una serie di depositi costieri.  Snam si inclina, invece, la costruzione di impianti di micro-liquefazione in tutto il paese.

Fonte: La Repubblica, A&F – Vito De Ceglia (pag. 38)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]