Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bolletta nascosta ora il conto per l’energia sala a 2 miliardi
02/10/2018 - Pubblicato in news nazionali

Non solo le bollette dell’energia sono destinate a salite nei prossimi mesi. Ma anche quando dovesse arrivare una inversione di tendenza dei prezzi di gas e petrolio, sui consumatori andrebbero comunque a pesare costi che in questo momento sono stati “congelati”.  E che, di fatto, impediranno possibili riduzioni per le tariffe, andando ancora una volta a incidere sui bilanci di famiglie e Pmi. Una sorta di “bolletta nascosta” che ora è possibile anche quantificare: due miliardi di euro che si sono accumulati durante le ultime due revisioni delle bollette. Se non fossero stati congelati, le bollette sarebbero cresciute ben oltre i dieci punti percentuali, sia nel giugno scorso sia nell’ultimo aggiornamento appena annunciato dall’Autorità per l’energia, e un livello doppio di quanto è effettivamente avvenuto. I 2 miliardi di euro sono l’ammontare del gettito per gli oneri di sistema. Alla fine dell’anno, l’Authority si vedrà venire meno la leva della “moderazione” e dovrà cominciare a chiedere almeno una parte dei soldi finora non versati ai consumatori. E se il prezzo delle materi prime non dovesse frenare, potrebbero concretizzarsi aumenti consistenti per le bollette.

Fonte: La Repubblica – Luca Pagni (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]