Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Blitz fallito, il petrolio libico resta nelle mani di Haftar
19/09/2016 - Pubblicato in news internazionali

La controffensiva delle Guardie petrolifere del signore della guerra Ibrahim Jathran, fedeli al governo di Tripoli di Al Sarraj, si è spenta rapidamente ma mostra quanto sia ancora precario il controllo del territorio nella Mezzaluna del Petrolio da parte del generale Haftar. Il blitz ha anche bloccato le operazioni di carico del greggio a bordo della petroliera maltese SeaDelta, arrivata nei giorni scorsi a Ras Lanuf da Trieste. In un comunicato la National oil company spiega che la nave è stata costretta ad allontanarsi per ragioni precauzionali ma che nei prossimi giorni il carico diretto in Italia sarà completato. La Noc ha infatti fretta di tornare alla normalità, per quanto si tratterà di una normalità post-Gheddafi, con la produzione che non ha più superato i 500 mila barili al giorno contro il milione e mezzo di prima della guerra civile.   

Fonte: La Stampa – Giordano Stabile (pag.12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]