Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bilanci Opec in pareggio con greggio a 60 dollari
01/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Se il prezzo del Brent dovesse mantenersi ai livelli attuali, sopra 60 dollari al barile, riuscirebbero a far quadrare i conti pubblici non solo Kuwait e Qatar – tradizionali “formiche” del gruppo, per le quali 50 dollari sono più che sufficienti – ma anche Iran, Iraq, Emirati arabi uniti e persino l’Algeria, che fino all’anno scorso aveva ancora bisogno del barile a 100 dollari: il suo punto di breakeven è sceso a 63,80 $ per il 2017 e a 54,90 $ per il 2018. Le nuove stime del Fondo monetario internazionale, che ieri ha aggiornato l’Outlook su Medio Oriente e Asia centrale, mostrano che anche l’Arabia Saudita sta facendo grandi progressi nell’affrancarsi dal petrolio. Nel 2018 la situazione non sarà molto diversa: il breakeven saudita è indicato a 70 $, mentre la curva del Brent anticipa 58,90 $, un prezzo peraltro molto elevato in confronto alle previsioni della maggior parte degli analisti e dello stesso Fmi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e tributi – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]

Assomet alla Camera: colmare gap di costo gas per l'industria

Migliorare la regolazione dei transiti gas tra Paesi eliminando le penalizzazioni per l'Italia dovute all'effetto "pancaking" delle tariffe di trasporto; allineare i costi del gas per l'industria italiana a quelli del Nord Europa
[leggi tutto…]