Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bilanci Opec in pareggio con greggio a 60 dollari
01/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Se il prezzo del Brent dovesse mantenersi ai livelli attuali, sopra 60 dollari al barile, riuscirebbero a far quadrare i conti pubblici non solo Kuwait e Qatar – tradizionali “formiche” del gruppo, per le quali 50 dollari sono più che sufficienti – ma anche Iran, Iraq, Emirati arabi uniti e persino l’Algeria, che fino all’anno scorso aveva ancora bisogno del barile a 100 dollari: il suo punto di breakeven è sceso a 63,80 $ per il 2017 e a 54,90 $ per il 2018. Le nuove stime del Fondo monetario internazionale, che ieri ha aggiornato l’Outlook su Medio Oriente e Asia centrale, mostrano che anche l’Arabia Saudita sta facendo grandi progressi nell’affrancarsi dal petrolio. Nel 2018 la situazione non sarà molto diversa: il breakeven saudita è indicato a 70 $, mentre la curva del Brent anticipa 58,90 $, un prezzo peraltro molto elevato in confronto alle previsioni della maggior parte degli analisti e dello stesso Fmi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e tributi – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

2025. Carbone addio

L’Italia dirà definitivamente addio al carbone nel 2025, lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.
[leggi tutto…]

Saipem si aggiudica due contratti per 1,3 miliardi

Saipem si è aggiudicata due contratti Epic assegnati dal cliente Saudi Aramco per un importo totale di 1,3 miliardi di dollari Usa per le attività offshore in Arabia Saudita.
[leggi tutto…]

Upstream, a Eni 13 licenze esplorative in Norvegia

Vår Energi, controllata da Eni con il 69,6% si è aggiudicata 13 licenze esplorative nell'ambito della gara “Awards in Predefined Areas 2018” gestita dal ministero del Petrolio ed energia norvegese.
[leggi tutto…]