Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Bilanci Opec in pareggio con greggio a 60 dollari
01/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

Se il prezzo del Brent dovesse mantenersi ai livelli attuali, sopra 60 dollari al barile, riuscirebbero a far quadrare i conti pubblici non solo Kuwait e Qatar – tradizionali “formiche” del gruppo, per le quali 50 dollari sono più che sufficienti – ma anche Iran, Iraq, Emirati arabi uniti e persino l’Algeria, che fino all’anno scorso aveva ancora bisogno del barile a 100 dollari: il suo punto di breakeven è sceso a 63,80 $ per il 2017 e a 54,90 $ per il 2018. Le nuove stime del Fondo monetario internazionale, che ieri ha aggiornato l’Outlook su Medio Oriente e Asia centrale, mostrano che anche l’Arabia Saudita sta facendo grandi progressi nell’affrancarsi dal petrolio. Nel 2018 la situazione non sarà molto diversa: il breakeven saudita è indicato a 70 $, mentre la curva del Brent anticipa 58,90 $, un prezzo peraltro molto elevato in confronto alle previsioni della maggior parte degli analisti e dello stesso Fmi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e tributi – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]