Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I big del petrolio al test dei 70 dollari
04/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

Eni e Tenaris tra le migliori, con Saras in altalena, e Saipem esclusa eccellente. Con il rialzo del prezzo del petrolio alcune delle società italiane del settore oil sono pronte a riprendersi una parte dei risultati persi negli ultimi anni con la crisi. Il 2018 è partito in rialzo e l’oro nero ha superato quota 65 dollari. Un trend che secondo gli analisti – da Equitalia a Banca Imi passando per Itermonte- sarà confermato nei prossimi mesi fino a raggiungere, nel 2019, stabilmente quota 70 dollari. Eni beneficerà di questa “ripresina”, raggiungendo “gli obiettivi di piano e migliorando la remunerazione per gli azionisti”, spiega Equita Sim puntando sul Cane a sei zampe come società che potrà fare meglio dei concorrenti “poiché ha una maggiore esposizione” nell’attività di esplorazione e un minor indebitamento. Anche la Tenaris della famiglia Rocca dovrebbe beneficiare del rally petrolifero visto che opera in aree attese in crescita quali Argentina, Messico e nello shale oil americano. Diverso il discorso per Saipem, per cui il recupero del greggio non sarà ancora d’aiuto sul fronte industriale. E per Saras, alle prese con i margini di raffinazione.

Fonte:Il Giornale, Economia – Sofia Fraschini (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]