Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il big oil taglia le esplorazioni
29/03/2016 - Pubblicato in news internazionali

Le più grandi compagnie petrolifere del mondo ridimensionano i progetti sull'esplorazione di nuovi giacimenti, per attutire le conseguenze del prezzo basso dell'oro nero. E per questo attingono alle loro riserve di petrolio più velocemente di quanto le rimpiazzano. A ulteriore conferma di come la forte discesa del prezzo del petrolio stia ridisegnando la priorità del settore energetico. Nel 2015 le sette più grandi società petrolifere occidentali quotate hanno rimpiazzato con nuove riserve solo il 75% del petrolio e del gas naturale che hanno estratto. Si è trattato della riduzione aggregata di scorte più marcata in almeno un decennio.

Fonte: MF – Sarah Kent (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam raddoppia la sfida all’idrogeno

Snam entro fine anno porterà dal 5 al 10% il mix di idrogeno immesso nella sua rete di trasmissione
[leggi tutto…]

Il rischio geopolitico sale, ma il petrolio non corre

Nonostante la costante crescita del rischio geopolitico, il prezzo del barile resta stabile.
[leggi tutto…]

Assomet alla Camera: colmare gap di costo gas per l'industria

Migliorare la regolazione dei transiti gas tra Paesi eliminando le penalizzazioni per l'Italia dovute all'effetto "pancaking" delle tariffe di trasporto; allineare i costi del gas per l'industria italiana a quelli del Nord Europa
[leggi tutto…]