Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I big del gas liquefatto aprono a contratti più flessibili
05/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’alleanza tra i maggiori consumatori di Gas naturale liquefatto (Gnl) ha solo due settimane di vita ma ha già avuto conseguenze tra i fornitori, spingendo il colosso Royal Dutch Shell – che controlla quasi un quinto dell’offerta mondiale del combustibile –a una prima e importante apertura verso contratti più flessibili. Analoga disponibilità ha manifestato anche Woodside Petroleum, società australiana che commercializza oltre 7 mtpa di gas liquefatto. La sudcoreana Kogas, la giapponese Jera e la cinese Cnooc, che insieme assorbono circa un terzo della produzione mondiale di Gnl, hanno siglato un Memorandum d’intesa finalizzato a unire le forze nelle trattative con i fornitori. La maggior parte del gas prodotto da Shell e Woodside oggi è venduto attraverso contratti di lungo termine, a prezzi indicizzati al petrolio. Con il crescente eccesso di offerta di Gnl, destinato a proseguire almeno per qualche altro anno, oggi sono i consumatori a tenere il coltello dalla parte del manico. Entro il 2020, secondo Bloomberg New Energy Finance, la capacità di produzione globale avrà raggiunto 407 mtpa, mentre la domanda sarà solo di 274 mtpa.

Fonte: Il Sole24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, da oggi revocato lo stato di forza maggiore da porti e giacimenti

A partire dal 26 ottobre è stato revocato lo stato di forza maggiore in tutti i giacimenti e porti libici, dopo i blocchi messi in atto dal generale Haftar nel corso dell'anno.
[leggi tutto…]

Nord Stream, gli Usa estendono le sanzioni

Il dipartimento di Stato Usa ha esteso martedì il raggio delle sanzioni americane al progetto di gasdotto Nord Stream II
[leggi tutto…]

Idrogeno, Patuanelli punta sul tubo

A parte il colore , uno dei punti di frizione sulla questione degli incentivi per lo sviluppo dell'idrogeno è quella del trasporto
[leggi tutto…]