Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa La Basilicata ferma Viggiano per tre mesi L’Eni avvia lo stop
19/04/2017 - Pubblicato in news nazionali

Da un lato l’annuncio di Eni della chiusura temporanea del Centro Olio di Viggiano, con la giunta della Regione Basilicata che ha deciso di sospendere le attività in seguito alla presunta perdita di idrocarburi da uno dei serbatoi e che ha comunicato che il fermo sarà di 90 giorni. Dall’altro la notizia della chiusura delle indagini nell’ambito della cosiddetta “inchiesta petrolio” risalente allo scorso anno sulle estrazioni di petrolio in Val d’Agri, con il rinvio a giudizio disposto dal giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Potenza per 47 persone e 10 società, tra cui Eni. Il ministro del Mise Carlo Calenda ha incontrato l’ad di Eni, Claudio Descalzi che ha comunicato «di aver avviato in via cautelativa e proattiva la procedura di sospensione delle attività del Cova, in attesa di ricevere formalmente la comunicazione del provvedimento della Regione». Gli uffici tecnici del Mise hanno ribadito di aver effettuato rilievi specifici per accertare l’entità della contaminazione e verificare le misure di messa in sicurezza e monitoraggio adottate. Il presidente di Confindustria Basilicata Pasquale Lorusso ha apprezzato “il comportamento assunto da Eni che con la decisione di chiudere temporaneamente il Cova e di avviare le relative procedure di fermo dell’impianto”, dimostrando attenzione alle istanze delle istituzioni e del territorio.

Fonte: Il Sole 24Ore, Impresa&territori – Luigia Ierace (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]