Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Basf tratta con i russi per una joint venture su petrolio e metano
25/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’asse energetico tra Germania e Russia potrebbe rafforzarsi ulteriormente, con la creazione di una joint venture del valore di circa 15 miliardi di euro nel settore degli idrocarburi. Il gruppo tedesco Basf, colosso globale della chimica, ha confermato di essere in trattative con Letter One, holding del miliardario russo Mikhail Fridman, per una potenziale fusione tra la sua controllata Wintershall e «le attività nel petrolio e nel gas riunite nel gruppo Dea»: in pratica, i giacimenti che lo stesso Friedman, oligarca vicino al Cremlino, aveva rilevato nel 2015 da un’altra società tedesca, la Rwe. L’operazione all’epoca aveva sollevato un’aspra querelle con Londra, che – in nome della sicurezza energetica nazionale – aveva imposto ai russi di cedere gli interessi nelle acque britanniche del Mare del Nord. Pochi mesi dopo Friedman si era rifatto, acquistando altre licenze nella stessa area (ma sotto giurisdizione norvegese) da E.On, anch’essa tedesca. L’esito delle attuali trattative è «aperto» e «non c’è alcuna garanzia» che la fusione avvenga davvero,ha precisato Basf dopo i rumor pubblicati da Bloomberg, secondo cui l’accordo potrebbe arrivare «nei prossimi giorni o settimane». Anche Letter One conferma il negoziato con Basf, suggerendo però uno spettro più ampio: il merger, secondo la nota della holding, riguarderebbe «le attività nell’Oil & Gas, che comprendono il gruppo Dea».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 29)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]