Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Barili da Libia e Nigeria rallentano i piani Opec
14/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Libia e Nigeria stanno mettendo i bastoni tra le ruote all’Opec: la produzione di petrolio dei due Paesi ha inaspettatamente ripreso quota, portando sul mercato 350mila barili al giorno in più in maggio, abbastanza per neutralizzare un quarto della riduzione operata dagli altri membri. In realtà è lo shale oil americano ad essere additato come il maggiore ostacolo ai piani dell’Organizzazione ed infatti, rispetto allo scorso dicembre, i fondamentali sono cambiati «soprattutto perché si è passati da un’attesa di contrazione a una crescita positiva per l’offerta Usa». La Russia è impegnata a ridurre di 300mila bg, ma dopo l’accordo per prolungare i tagli, le stime sulla sua produzione nel secondo semestre sono state abbassate soltanto di 200mila bg.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 26)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]

Sussidi dannosi: sul tavolo rimodulazioni di 7 Sad, ma cautela su accise gas

La commissione interministeriale sui sussidi ambientalmente dannosi ha individuato proposte per la rimodulazione di sette Sad
[leggi tutto…]