Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Barile sempre più giù e il rialzo non è all’orizzonte
26/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Le quotazioni del petrolio hanno continuato il percorso ribassista, preoccupando i mercati azionari, in particolare il comparto energetico. Il Wti ha violato quota 43 dollari, arrivando velocemente quasi a 42 dollari/barile. In forte calo anche il petrolio del Mare del Nord, con la quotazione de Brent scesa sotto i 45 dollari/barile. È necessario ora un segnale di concreta inversione. A frenare la discesa dei prezzi potrebbe arrivare un altro intervento Opec; questo scenario però al momento appare assai improbabile perché la vendita di petrolio rappresenta una delle voci fondamentali nel bilancio di numerosi paesi produttori di petrolio membri dell’Opec.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Obiettivo di Eni: sostenibilità e transizione energetica

Il mondo dell’energia sta cercando di evolvere nella direzione di una maggiore sostenibilità
[leggi tutto…]

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]