Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Barile sempre più giù e il rialzo non è all’orizzonte
26/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Le quotazioni del petrolio hanno continuato il percorso ribassista, preoccupando i mercati azionari, in particolare il comparto energetico. Il Wti ha violato quota 43 dollari, arrivando velocemente quasi a 42 dollari/barile. In forte calo anche il petrolio del Mare del Nord, con la quotazione de Brent scesa sotto i 45 dollari/barile. È necessario ora un segnale di concreta inversione. A frenare la discesa dei prezzi potrebbe arrivare un altro intervento Opec; questo scenario però al momento appare assai improbabile perché la vendita di petrolio rappresenta una delle voci fondamentali nel bilancio di numerosi paesi produttori di petrolio membri dell’Opec.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]