Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Barile sempre più giù e il rialzo non è all’orizzonte
26/06/2017 - Pubblicato in news internazionali

Le quotazioni del petrolio hanno continuato il percorso ribassista, preoccupando i mercati azionari, in particolare il comparto energetico. Il Wti ha violato quota 43 dollari, arrivando velocemente quasi a 42 dollari/barile. In forte calo anche il petrolio del Mare del Nord, con la quotazione de Brent scesa sotto i 45 dollari/barile. È necessario ora un segnale di concreta inversione. A frenare la discesa dei prezzi potrebbe arrivare un altro intervento Opec; questo scenario però al momento appare assai improbabile perché la vendita di petrolio rappresenta una delle voci fondamentali nel bilancio di numerosi paesi produttori di petrolio membri dell’Opec.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 23)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]