Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Alle banche piacciono i gasdotti
28/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Shah Deniz, nel Mar Caspio, e Zohr, in Egitto. Sono due dei supergiacimenti destinati a ridisegnare la mappa delle forniture di gas secondo le stime del mercat. Zohr, operato da Eni, è stato avviato alla produzione in tempi record. Grazie alle ricadute di questa startup, l’Egitto ha appena ottenuto un prestito da 200 milioni di dollari dalla Bnca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo 8Bers). Shah Deniz ha invece avuto il sostegno finanziario dell’Adb (Asian Development Bank) che nel suo ultimo rapporto sul settore energetico definisce strategico il giacimento azero, lo stesso destinato ad alimentare il gasdotto Tap. Il prestito, che ammonta a 524,5 milioni di dollari, andrà al consorzio Cjcs, che gestisce il corridoio meridionale del gas, per la seconda gase di sviluppo del giacimento. Il gas di Shah Deniz arriverà in Europa grazie alle due sezioni del Corridoio che agganceranno il gasdotto Tanap (Trans Anatolian Pipeline) per arrivare al Tap (Trans Adriatic Pipeline), che porterà il gas del Caspio fino in Italia.

Fonte: MF, Mercati – Angela Zoppo (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Oil, cinema e reti gas, dove la Cina apre (ma non troppo)

Aperture nella manifattura avanzata, nel settore estrattivo, nei trasporti e nell’intrattenimento entreranno in vigore in Cina dal 30 luglio.
[leggi tutto…]

La guerra delle petroliere. Londra minaccia Teheran

Stessa scena del 4 luglio, ma stavolta sono i pasdran mascherati che da un elicottero atteranno sulla petroliera britannica e sequestrano la nave che aveva appena varcato lo stretto di Hormuz.
[leggi tutto…]

Eni, dal Parlamento tunisino ok ad accordo per diritti di transito Ttpc

Il Parlamento tunisino ha ratificato l’accordo con Ttpc, controllata di Eni, per il transito attraverso il Paese nordafricano del gas di provenienza algerina.
[leggi tutto…]