Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Al Badri: non tutti i membri a Doha
22/03/2016 - Pubblicato in news internazionali

Tutti i Paesi membri dell'Opec saranno inviati al meeting sul congelamento della produzione di greggio che si terrà ad aprile a Doha, in Qatar.  Lo ha affermato il segretario generale dell'Organizzazione, Abdallah Salem El-Badri, dicendosi speranzoso che i prezzi dell'oro nero abbiano toccato il fondo. In particolare, El-Badri ritiene che il costo del petrolio raggiungerà un livello moderato. "Apprendo che circa 15 Paesi parteciperanno. Forse alcuni dei nostri membri non parteciperanno, così come alcuni Paesi non-Opec, ma 15 o 16 tra i principali Paesi produttori non è un cattivo numero", ha spiegato poi El-Badri.  Per il segretario generale dell'Opec, è importante prima di tutto implementare il congelamento della produzione per poi pensare al futuro. El-Badri ritiene però che a bilanciare il mercato non basti soltanto il contributo dei Paesi Opec.  El-Badri ha infine chiarito che il meeting di Doha avverrà indipendentemente dalla posizione dell'Iran.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati –red (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]

Scoperta Eni nel Mare del nord

Eni, attraverso la controllata Var-Energy (Eni 69,6%) e Hitec Vision (30,4%) ha annunciato una scoperta di petrolio e gas nella licenza PL 869 nel Mare del Nord norvegese.
[leggi tutto…]

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]