Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Azioni d’oro nero: chi brilla sui rincari di gas e greggio
18/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

Il ritorno dell’oro nero. Da inizio anno il future sul Brent ha guadagnato l’11,5% toccando di recente un massimo di oltre 66 dollari, livello che non vedeva dalla fine del giugno 2015. Il movimento accende i riflettori su tutti i titoli del settore energetico con una coda sul mondo delle utility, la pattuglia delle società di servizi pubblici locali. A crescere infatti non sono solo i prezzi del petrolio ma anche quelli del gas e dell’elettricità grazie all’aumento della domanda trainata dalla ripresa economica, un inverno rigido e il recente incidente in un impianto di distribuzione internazionale di gas in Austria. Eni torna quindi nel mirino degli investitori, anche se sarà difficile recuperare a breve il terreno perso da inizio anno: -9%. Potrebbe tornare a sorridere anche Saipem, sprofondata di oltre il 30% a gennaio anche per effetto del processo di ristrutturazione in corso. L’inverno rigido rafforza il momento positivo di Enel ed A2A, che si avviano a chiudere il 2017 con un rialzo superiore al 30%.

Fonte: Corriere della Sera, Investimenti – Patrizia Puliafito (Pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Tariffe gas Germania, Crippa: “Rischio alterazione concorrenza”

Il Governo prende posizione sulla spinosa questione della tariffe di trasporto gas tedesche
[leggi tutto…]

Trasporto gas, Francia proroga tariffe ai punti di interconnessione

L'authority francese per l'energia, Cre, ha stabilito di prorogare di sei mesi la validità delle tariffe di trasporto gas ai punti di interconnessione delle reti transalpine di GRTgaz e Terega (Snam)
[leggi tutto…]

Eni rinnova il contratto per il gas dall’Algeria

L’Italia potrà contare sul gas algerino almeno fino al 2027
[leggi tutto…]