Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Azerbaijan, la Tap e l’avvertimento all’Italia sul rischio di penali da 40 miliardi
27/07/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Alla Casa Bianca l’argomento è stato già messo in cima alla lista dell’agenda: quando il premier Giuseppe Conte, la settimana prossima, incontrerà Donald Trump, fornirà le rassicurazioni e le garanzie che gli americani si aspettano sull’avanzamento dei lavori della Tap. Ma non sono solo gli americani ad esercitare una pressione diplomatica sul nostro Paese perché recuperi il ritardo accumulato e vada avanti in modo spedito nel completamento del gasdotto che passa da Grecia e Albania e ha il compito di portare il gas azero in Europa, in modo da ridurre la dipendenza da quello russo. Gli stessi azeri sono stati piuttosto espliciti la settimana scorsa, quando Sergio Mattarella e il Ministro degli Esteri Moavero Milanesi si sono recati a Baku. Prima che il capo dello Stato e il titolare della Farnesina confermassero in modo chiaro il carattere sistemico dell’opera, lo stesso presidente dell’Azerbaijan, Ilham Aliyev, ha rivolto un invito alle nostre autorità un ultimatum: “Se non avete più intenzione di portare avanti l’opera non dovete che dirlo, abbiamo rotte alternative, l’Austria e altri Paesi sarebbero ben felici…”.

Fonte: Corriere della Sera – Marco Galluzzo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]