Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Auto elettrica, la grande corsa e il turbo l’ha messo Pechino
10/09/2017 - Pubblicato in news internazionali

Bmw ha creato un modello di lusso che garantisca ampi margini di guadagno per poter finanziare la ricerca e lo sviluppo dei veicoli elettrici. Gli stand del Salone di Francoforte, che apriranno dopodomani alla stampa, ospiteranno un numero di veicoli elettrici o ibridi mai raggiunto. La novità sta soprattutto nel fatto che i costruttori hanno cominciato ad annunciare per i prossimi anni l’abbandono dei motori a combustione. La Norvegia ha già annunciato che dal 2025 verranno bandite le auto a benzina e diesel. Già oggi il 37% del parco auto norvegese è ad alimentazione ibrida o elettrica. La Svezia ha aumentato del 600% il numero delle colonnine per la ricarica. Pechino ha deciso di alzare la quota obbligatoria di auto a propulsione ibrida o elettrica venduta nel paese fino al 12% nel 2020. Francia e Regno Unito hanno annunciato che bandiranno diesel e benzina entro il 2040. Ma il mercato non viaggia alla stessa velocità delle decisioni dei governi. Nel 2016 il 49,5% delle nuove immatricolazione era di veicoli diesel e il 45,8% era a benzina. Quindi più del 95% del parco auto europeo è mosso da propulsori che però tutti i governi vogliono mettere fuori legge.  La situazione italiana è particolare: a lungo gli incentivi dei governi e quelli a favore della circolazione ecologica nei centri urbani hanno fini per favorire soprattutto la propulsione a metano. Ma la rete di distribuzione di metano ,pur essendo concentrata nel nostro Paese, è scarsamente diffusa nel resto d’Europa.

Fonte: La Repubblica – Paolo Griseri (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]