Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aste CO2, il rapporto 2015 del GSE
16/02/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

L'Italia ha inoltre collocato sulla medesima piattaforma oltre 2 milioni di quote EUA A valevoli per il periodo 2013-2020, ricavando oltre 14 milioni di euro, pari al 12,3% delle risorse generate dalle aste di quote EUA A nel 2015. E' quanto emerge dal rapporto annuale sulle aste di quote europee di emissione (2015), pubblicato dal GSE. Il rapporto offre un'analisi quantitativa e qualitativa dei risultati delle aste “primarie” di quote CO2 registrati nel 2015 su tutte le piattaforme d'asta primarie attive in Europa. Il rapporto fornisce, inoltre, un'analisi comparata con il mercato secondario ed una disamina alla luce del dibattito sulla riforma dell'EU ETS a livello nazionale ed europeo. Da novembre 2012 al 31 dicembre 2015, il GSE ha collocato circa 230 milioni di quote EUA (229.626.500 EUA), con un ricavo totale di oltre 1,3 miliardi di euro e 2,9 milioni di EUA A, con proventi per 19 milioni di euro. Il rapporto prosegue nella disamina dei principali aspetti del sistema delle aste dell'EU ETS e degli elementi in ambito europeo ed internazionale che ne definiscono il contesto. In questa edizione è inoltre presente un aggiornamento sull'andamento del “mercato globale” delle emissioni e sulle sue evoluzioni a valle del terzo anno di aste europee. Il focus di approfondimento di questo numero offre invece una disamina sugli esiti della conferenza sul clima di Parigi, il relativo Accordo e i potenziali impatti sui meccanismi di mercato del carbonio.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]

Snam guarda agli Emirati e valuta il dossier Adnoc

I piani di crescita di Snam potrebbero condurla sino in Medio Oriente
[leggi tutto…]

Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate
[leggi tutto…]