Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’assedio americano al Nord Stream libera l’Europa centrale dal gas russo
26/11/2019 - Pubblicato in news internazionali

Sul progetto legato al raddoppio del gasdotto Nord Stream 2 è tornata a crescere la tensione geopolitica. Dopo la recente visita in Germania del segretario di Stato Mike Pompeo il Congresso americano ha alzato nuovamente lo scontro includendo nel progetto di legge sulla difesa nazionale 2020 un nuovo schema di sanzioni per tutte le società coinvolte nella costruzione del gasdotto. Nonostante queste mosse, sembra sempre più difficile evitare che il gasdotto venga completato. L’approvazione del progetto da parte del Bundestag e dell’agenzia energetica danese hanno aumentato le certezze. Mentre si continua a cercare un accordo tra Russia e Ucraina sul transito del gas e la nuova Commissione dovrà spingere Gazprom ad applicare i criteri di concorrenza e trasparenza previsti dalla direttiva gas, ai primi di dicembre Putin e Xi Jinping inaugureranno un nuovo gasdotto che dalla Siberia arriverà in Cina.

Fonte: Il Foglio – Gabriele Moccia (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]