Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa In Asia la sfida petrolifera tra Arabia Saudita e shale oil
06/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Asia è il nuovo terreno della sfida petrolifera tra l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti dello shale oil. La Cina, fina dal via libera alle esportazioni di greggio americano, si è imposta come primo acquirente, importando 8,08 milioni di barili, superando anche il Canada con 6,84 mb. La potenza dei Paesi dell’Opec è comunque di gran lunga superiore. Riad ha deciso di combattere gli Usa con una strategia commerciale: applicando riduzioni di prezzo per il secondo mese consecutivo ai clienti asiatici. In Asia e in Europa la maggiore insidia per il petrolio saudita non sono gli Stati Uniti, ma la Russia che guadagna forti quote di mercato. L’Arabia Saudita quindi continua ad adottare politiche di prezzo mirate.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Sissi Bellomo (pag. 30)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]