Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’arrivo del gas dagli Stati Uniti fa temere una guerra dei prezzi
23/04/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Parlare di guerra del gas forse è eccessivo, anche se molti analisti non esitano a definirla così. Di certo sul mercato qualcosa si sta muovendo: i grandi fornitori dell’Europa - Russia, Norvegia, Algeria e Qatar - sono sulla difensiva di fronte ai fiumi di Gas naturale liquefatto (Gnl) che minacciano di arrivare nel Vecchio continente, un territorio che fino a poco tempo fa consideravano alla stregua di una riserva di caccia privata e inviolabile. L’export di gas algerino verso l’Italia, ad esempio, è improvvisamente triplicato, tornando a salire ai livelli di tre anni fa e spiazzando forniture concorrenti in arrivo dal Nord. Mosca ed Oslo, d’altra parte, nonostante il recente passo indietro sul nostro mercato, esportano da mesi volumi record, contribuendo a deprimere i prezzi, già bassi, del combustibile. Il tutto proprio mentre in Europa sta arrivando il primo carico di Gnl “made in Usa”: la metaniera Creole Sprint, salpata il 15 aprile dal terminale Sabine Pass di Cheniere, in Louisiana, è attesa a giorni in Portogallo. Grazie a costi molto bassi e capacità di produzione in eccesso, Gazprom potrebbe replicare le strategie dei sauditi.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 29) 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]

Le emissioni non aumentano anche se l’economia è cresciuta: ecco perché è una buona notizia

Contrariamente alle attese, nel 2019 le emissioni mondiali di CO2 – il principale dei gas serra responsabili del riscaldamento globale- non sono aumentate
[leggi tutto…]

Chi vince e chi perde con il Green New Deal

New Green Deal. Sbagliare una mossa potrebbe costare salato
[leggi tutto…]