Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’arma delle sanzioni Usa per fermare il gas russo
13/03/2019 - Pubblicato in news internazionali

Per fermare l’avanzata del gas russo in Europa gli Stati Uniti sono pronti ad usare l’arma delle sanzioni nei confronti del Nord Stream 2, il raddoppio del gasdotto sottomarino tra Russia e Germania che accanto a Gazprom vede coinvolte numerose società europee, tra cui Uniper e Shell. Gli Usa potrebbero inoltre colpire anche il Turkish Stream che dalla Turchia punterà verso l’Europa meridionale. Nel mirino delle ormai probabili sanzioni di Washington ci sono soprattutto i cinque soci finanziatori di Nord Stream 2: le tedesche Uniper e Wintershall, la francese Engie, l’austriaca Omw e l’anglo-olandese Royal Dutch Shell. L’opera ufficialmente costa 9,4 miliardi di euro.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]