Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’arma delle sanzioni Usa per fermare il gas russo
13/03/2019 - Pubblicato in news internazionali

Per fermare l’avanzata del gas russo in Europa gli Stati Uniti sono pronti ad usare l’arma delle sanzioni nei confronti del Nord Stream 2, il raddoppio del gasdotto sottomarino tra Russia e Germania che accanto a Gazprom vede coinvolte numerose società europee, tra cui Uniper e Shell. Gli Usa potrebbero inoltre colpire anche il Turkish Stream che dalla Turchia punterà verso l’Europa meridionale. Nel mirino delle ormai probabili sanzioni di Washington ci sono soprattutto i cinque soci finanziatori di Nord Stream 2: le tedesche Uniper e Wintershall, la francese Engie, l’austriaca Omw e l’anglo-olandese Royal Dutch Shell. L’opera ufficialmente costa 9,4 miliardi di euro.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]