Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’arma delle sanzioni Usa per fermare il gas russo
13/03/2019 - Pubblicato in news internazionali

Per fermare l’avanzata del gas russo in Europa gli Stati Uniti sono pronti ad usare l’arma delle sanzioni nei confronti del Nord Stream 2, il raddoppio del gasdotto sottomarino tra Russia e Germania che accanto a Gazprom vede coinvolte numerose società europee, tra cui Uniper e Shell. Gli Usa potrebbero inoltre colpire anche il Turkish Stream che dalla Turchia punterà verso l’Europa meridionale. Nel mirino delle ormai probabili sanzioni di Washington ci sono soprattutto i cinque soci finanziatori di Nord Stream 2: le tedesche Uniper e Wintershall, la francese Engie, l’austriaca Omw e l’anglo-olandese Royal Dutch Shell. L’opera ufficialmente costa 9,4 miliardi di euro.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Sissi Bellomo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Terna, piano da 6,2 miliardi per potenziare la rete

Con la rotta puntata sulla rete elettrica nazionale, chiamata a supportare il ruolo dominante nella transizione energetica, Terna è pronta a investire 6,2 miliardi nei prossimi cinque anni per accompagnare l’infrastruttura lungo la strada del
[leggi tutto…]

Carbone, il Far East traina la domanda

Il commercio mondiale di carbone continua a correre sfruttando la spinta del sud-est asiatico alla ricerca di fonti di energia a prezzi bassi.
[leggi tutto…]

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]