Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aramco e gas liquido, si stringe l’alleanza tra Mosca e i sauditi
15/02/2018 - Pubblicato in news internazionali

La visita di re Salman a Mosca dell’autunno scorso inizia a dare frutto. L’alleanza energetica tra russi e sauditi si fa sempre più stretta. È fondata sui tagli produttivi concordati in nome della stabilità dei prezzi del petrolio davanti all’offensiva dello shale americano, ma ormai guarda più lontano e potrebbe arrivare a una partecipazione russa alla maxi privatizzazione di Saudi Aramco e all’ingresso di Riad in uno dei grandi progetti che si stanno concretizzando nell’Artico russo, sul fronte del gas naturale liquefatto. Diverse banche russe, ma anche il fondo di investimento Russia-Cina, hanno espresso un significativo interesse a partecipare all’Ipo da record a cui i sauditi daranno vita mettendo sul mercato il 5% della loro compagni petrolifera, primo esportatore mondiale di petrolio: che punta a raccogliere 100 miliardi di dollari.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati (pag. 34)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]