Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Arabia Saudita risveglia le attese sul vertice Opec
18/11/2016 - Pubblicato in news internazionali

Arriva dall’Arabia Saudita quello che è finora il più forte segnale di schiarita sul fronte Opec: «Raggiungere il tetto di 32,5 milioni di barili al giorno - ha detto il ministro dell’Energia Khalid Al Falih - aiuterà ad accelerare la ripresa e sarà di beneficio a produttori e consumatori». Agli osservatori più attenti non è sfuggito il riferimento alla parte bassa del range di produzione che l’Opec si era data come obiettivo ad Algeri: il tetto concordato era di 32,5-33 mbg, mentre ora Al Falih parla solo di 32,5 mbg, un limite che implicherebbe un taglio di ben 1,3 mbg rispetto agli attuali livelli di estrazione del gruppo stimati dall’Aie. Il mercato non è rimasto indifferente al passaggio e il petrolio Brent si è spinto fino a 47,62 dollari al barile, in rialzo di oltre il 2%, salvo poi cedere alla pressione del dollaro forte per chiudere la seduta in lieve ribasso. Il ministro saudita si è anche detto «ottimista che l’accordo raggiunto ad Algeri sia implementato con l’adozione di tetti produttivi per ciascun paese». Oggi a Doha, a margine della riunione del Gas Exporting Countries Forum (Gecf), Al Falih incontrerà il ministro russo Alexander Novak, che continua ad offrire collaborazione. Sempre oggi, nella stessa Doha, si terrà anche una riunione «informale e consultiva» con 11 paesi rappresentati.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Finanza&Mercati - Sissi Bellomo (pag. 40)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]