Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Arabia Saudita alza le difese contro il petrolio debole
26/11/2015 - Pubblicato in news internazionali

A poco più di una settimana dal vertice Opec, che si terrà la venerdì prossimo a Vienna, le quotazioni del petrolio rischiano di accentuare ulteriormente la discesa. Anche l’effetto della crisi tra Russia e Turchia si è rapidamente esaurito e il barile ieri ha concluso la seduta poco variato, con il Brent a 46,17 e il Wti a 43,04 $/barile. Le probabilità che l’Organizzazione degli esportatori di greggio decida di invertire la rotta, decretando un taglio di produzione, resta tuttavia scarse, nonostante le numerose voci critiche che si stanno levando all’interno del gruppo e nonostante qualche analista abbia voluto leggere come un’apertura da parte saudita il comunicato in cui qualche giorno fa il governo di Riyadh ribadiva la disponibilità a intervenire insieme a produttori non Opec. La posizione in fin dei conti rimane la stessa: taglieremo solo se lo faranno anche altri big, a cominciare dalla Russia, che tuttavia - come ha detto Igor Sechin, ceo di Rosneft - non ha neppure ancora deciso se partecipare a questo vertice come osservatore. Proprio dall’Arabia Saudita arrivano intanto indicazioni che il Paese si sta preparando a una discesa ancora più lunga e dolorosa del prezzo del barile. L’Arabia Saudita per la prima volta dal 2007 ha fatto ricorso all’emissione di titoli di Stato bond per fronteggiare l’emorragia di riserve valutarie, ridottesi da 746 a 647 miliardi di $ tra agosto 2014 e settembre 2015. Adesso ha allo studio un nuovo bond, aperto anche a investitori internazionali. Il Paese non è certo in crisi come altri membri dell’Opec. Ma sta soffrendo due volte per l’andamento dei mercati: non solo sopporta il crollo del greggio, ma anche il superdollaro.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag.43)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]