Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’americana Exxon a Cipro. Ma con la scorta anti-turchi
07/03/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Per scandagliare i fondali di Cipro per gli Stati Uniti fanno procedere una nave esploratrice della Exxon Mobil da una vera e proprio flotta di scorta di navi d’assalto con a bordo 2.500 marines supportati da 44 elicotteri, 15 veicoli di assalto anfibi e 2 carrarmati, oltre che da artiglierie. Obiettivo della flottiglia, il Blocco 10 della Zona economica esclusiva di Cipro, che ExxonMobil ha avuto nel marzo del 2017 in appalto dal governo di Nicosia, in partnership con Qatar Petroleum, che dovrebbe gestire un centro di liquefazione in loco. Nella stessa occasione l’Eni ebbe il blocco 8 in gestione esclusiva. L’incidente della nave piattaforma Saipem 12000 dell’Eni sembra rivelare una partita strategica per gli approvvigionamenti energetici nel Mediterraneo. Se l’imbarcazione italiana ha rinunciato a stazionare nella porzione di acque cipriote, in cui il governo di Nicosia gli concedeva e quello di Ankara gli negava il diritto di cercare gas, è perché la marina militare turca minacciava di speronarla. La Turchia pur non avendone diritto, a sua volta ha dispiegato nella zona una nave per rilevamenti tedesca e la Barbaros, una nave ufficialmente oceanografica ma che dal 2013 sta ostacolando tutti gli altri natanti che provano a lavorarvi e che per giunta nell’azione contro Saipem 12000 è stata pure appoggiata da almeno una fregata.

Fonte: Libero – red. (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]