Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ambiente, prevenire è meglio
18/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

L'art. 191, comma 2 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea (Tfue) stabilisce che: «La politica della Comunità in materia ambientale [ ] è fondata sui principi della precauzione e dell'azione preventiva, sul principio della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all'ambiente, nonché sul principio “chi inquina paga”». L'art. 117 della Costituzione classifica del resto la tutela dell'ambiente, tra le materie a legislazione esclusiva statale, mentre nella legislazione concorrente troviamo la valorizzazione dei beni culturali e ambientali. La tutela dell'ambiente è dunque uno di quei casi in cui obiettivi comunitari e costituzionali coincidono. Nell'ambito dell'adempimento di tali obblighi, tuttavia, la Commissione può verificare che non si verifichino aiuti di stato e che ogni azione a tal fine predisposta sia necessaria per la tutela ambientale e lo sviluppo sostenibile, senza produrre effetti sproporzionati sulla concorrenza e sulla crescita economica. Solo una tutela ambientale preventiva garantisce però l'efficacia della protezione, sulla base della consapevolezza della inevitabile irreversibilità dei danni causati all'ambiente. E dunque ogni azione da parte dello stato, anche economica, a tutela preventiva dell'ambiente, oltre che doverosa sulla base dei principi di tutela costituzionale del diritto alla salute e della tutela dell'ambiente, appare in linea con gli stessi principi comunitari, laddove, la ratio di tutela dell'ambiente prescinde, in vista dell'obiettivo superiore, dalle rigide logiche di mercato. Qualsiasi sia, pertanto, la natura imprenditoriale del soggetto che inquina, la responsabilità dello stato nei confronti della collettività resta comunque, dato che da quell'attività possono derivare danni all'ambiente e alla salute, che prescindono dalle singole responsabilità e che impongono in ogni caso allo stato di intervenire subito, sia in via preventiva che riparatoria, laddove necessario per minimizzare i danni a carico della collettività. Il diritto vigente, del resto, anche per i suddetti motivi, sancisce che, nel caso di mancata individuazione del soggetto responsabile, o di impossibilità a ottenere dai responsabili le risorse finanziarie necessarie per il risanamento, o comunque di mancata esecuzione, da parte degli stessi, degli interventi necessari, le opere di recupero devono essere comunque eseguite dall'amministrazione competente, che potrà poi rivalersi sul proprietario dell'area. Il concetto è dunque che, a prescindere dalle responsabilità giuridiche, lo stato non può esimersi dall'intervenire. In un tale scenario, i delegati di 195 paesi, che hanno partecipato alla recente Conferenza mondiale sul clima, hanno firmato, come noto, un accordo, in cui si impegnano a ridurre le emissioni inquinanti. Alcune delle disposizioni previste nell'accordo sono vincolanti, mentre ad altre i vari paesi aderiscono solo in maniera volontaria. Tutti i paesi saranno comunque obbligati a fornire l'obiettivo di riduzione delle emissioni a cui mirano e a partecipare al processo di revisione quinquennale. E allora, anche in linea con le indicazioni dell'art. 53 della Costituzione, che parla non solo di capacità contributiva, ma anche di funzione solidaristica delle imposte, anche la leva fiscale potrebbe essere di aiuto a rendere i suddetti propositi effettivi, sia in funzione preventiva che, eventualmente, riparatoria. In base a specifici indicatori è del resto già oggi possibile calcolare i danni che le attività economiche generano. Grazie alla leva fiscale potrebbe dunque essere possibile disincentivare le attività che generano esternalità negative, distinguendo comunque l'aliquota di tassazione a seconda del settore economico e del grado specifico di esternalità negativa generato. Basti pensare del resto che specifici studi hanno calcolato che, per esempio, l'estensione della tassa su SO2 e NOx a tutti i settori che contribuiscono a tali emissioni, porterebbe un incremento del gettito dagli attuali 14 milioni di euro a circa 10 miliardi di euro.

Fonte: Italia Oggi

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Terna, piano da 6,2 miliardi per potenziare la rete

Con la rotta puntata sulla rete elettrica nazionale, chiamata a supportare il ruolo dominante nella transizione energetica, Terna è pronta a investire 6,2 miliardi nei prossimi cinque anni per accompagnare l’infrastruttura lungo la strada del
[leggi tutto…]

Carbone, il Far East traina la domanda

Il commercio mondiale di carbone continua a correre sfruttando la spinta del sud-est asiatico alla ricerca di fonti di energia a prezzi bassi.
[leggi tutto…]

“Gas fondamentale per la competitività. L’Italia giochi il suo ruolo in Europa”

Intervenendo al convegno organizzato da Assocarta e Confindustria Toscana Nord su “Gas, competitività e sostenibilità ambientale nell’industria italiana”  il manager si Sofidel Luigi Lazzeschi ha sottolineato come il P
[leggi tutto…]