Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ambiente, l’Eni vuole un nuovo pozzo in Basilicata
29/11/2017 - Pubblicato in news nazionali

Ancora perforazioni petrolifere in Basilicata. L’ultima richiesta di Eni per la realizzazione di un nuovo pozzo, “Alli 5”, risale a ottobre. La compagnia ha chiesto una nuova autorizzazione alla Regione Basilicata e al ministero dello Sviluppo economico per “modificare il Programma dei Lavori di ricerca e sviluppo della concessione di coltivazione idrocarburi ‘Val d’Agri’”. Si preoccupano gli ambientalisti dell’associazione “ScanZiamo le scorie”, soprattutto dopo lo sversamento di oltre 400 tonnellate di greggio da uno dei serbatoi del Centro Olio di Viggiano (Potenza) verificatosi tra agosto e novembre 2016. Ma il governatore Marcello Pittella rassicura: “La richiesta è molto corposa, oltre 60 pagine. In questa fase la Regione non è parte attiva. Quando sarà chiamata dal ministero dell’Ambiente a dare l’intesa, ove mai i ministeri competenti non lo avessero già fatto, chiederemo una Via (valutazione di impatto ambientale) per garantire la tutela dell’ambiente. La Regione Basilicata non intende autorizzare nuovi pozzi che non siano previsti dagli accordi del ’98 e del 2006, rispettivamente con Eni e Total”.

Fonte: Il Fatto Quotidiano – Mariateresa Totaro (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]