Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’allarme per il clima fa cambiare modello alle big del petrolio
18/07/2016 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

I piani di riduzione delle emissioni di CO2 fissati all’ultimo meeting di Parigi sono drastici. Per rispettare i livelli le compagnie petrolifere devono rivoluzionare le loro strategie. Le posizioni, sul punto, sono le più disparate: la Total ad esempio ha investito 1,4 miliardi di dollari nel 2011 nell’acquisto della maggioranza della società americana SunPower produttrice di pannelli fotovoltaici; in Italia Eni ha creato la divisione Energy solution dedicata proprio al raggiungimento di COP21, privilegiando un portafoglio energetico composto in prevalenza da gas naturale e da energie sostenibili come il fotovoltaico.

Fonte: La Repubblica Affari & Finanza – Alessandro Pastore Simone Ferriani (pag. 42)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]