Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’Aie si corregge: domanda di petrolio sovrastimata in Asia
12/08/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’Agenzia Internazionale per l’Energia ha appena ritrovato i “missing barrels”: sono quasi 230 milioni di barili che sicredevano consumati in Asia tra il 2015 e il 206 che invece hanno gonfiato le scorte. Pessima notizia per l’Opec che sta cercando sdi forzare lo smaltimento dell’eccesso di produzione degli anni passati. I barili dispersi sono un’ossessione degli analisti petroliferi: il vero problema sono i paesi emergenti, che producono e consumano enormi quantità di greggio, ma forniscono dati statistici frammentari poco puntuali e spesso imprecisi. La vita di Opec si sta complicando: la disciplina nei tagli è scesa al 75% in luglio e la produzione di shale oil continua a salire tanto che l’Aie si aspetta che l’offerta di greggio torni a superare la domanda nel trimestre in corso.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Primi carichi di Gnl Usa respinti in Europa

L’Europa sembrava in grado di assorbire ogni eccesso di gas liquefatto
[leggi tutto…]

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]