Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Aeegsi, cambiano i procedimenti sanzionatori
15/06/2017 - Pubblicato in news nazionali

Con la delibera 388/2017/E/com, l'Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico (Aeegsi) ha introdotto delle modifiche al regolamento per la disciplina dei procedimenti sanzionatori e delle modalità procedurali per la valutazione degli impegni, di cui all'allegato A alla delibera 243/2012/E/com. Le modifiche, si apprende dalla delibera, si rendono necessarie alla luce delle nuove competenze attribuite all'Autorità (idrico, telecalore) e delle modifiche organizzative all'interno dell'Autorità stessa, con il rafforzamento della separazione tra attività istruttoria e decisione finale nei procedimenti sanzionatori.

Tra l'altro, a seguito dell'attribuzione al direttore della Direzione sanzioni e impegni (Dsai) della competenza ad avviare con propria determinazione i procedimenti sanzionatori (delibera 695/2016/A), si stabilisce d'individuare nel regolamento sanzioni – e non più nei singoli provvedimenti di avvio – il termine di conclusione dei procedimenti, nonché quello entro il quale il responsabile del procedimento deve comunicare le risultanze istruttorie ai partecipanti e trasmettere, tramite l'Unità Fase decisoria procedimenti sanzionatori e prescrittivi della Direzione legale e atti del collegio (Fde, istituita con la delibera 21/2017/A), gli atti al Collegio per l'adozione del provvedimento finale. Il termine di conclusione del procedimento viene fissato in 220 giorni decorrenti dalla comunicazione di avvio (“salvo ricorrano motivate esigenze procedimentali”); il termine per la conclusione dell'istruttoria da parte del responsabile del procedimento è invece stabilito in 120 giorni decorrenti dalla comunicazione.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, consultazione sulla Strategia UE

La Commissione europea ha avviato una consultazione in vista dell'adozione della Strategia sull'idrogeno entro la metà dell'anno
[leggi tutto…]

Gasdotto Italia-Malta, al via consultazione transfrontaliera

Il ministero dell'Ambiente ha avviato nei giorni scorsi la consultazione pubblica transfrontaliera sul progetto di gasdotto di interconnessione tra Italia e Malta, una pipeline da 1,2 miliardi di mc all'anno per una lunghezza di 159 km tra Delim
[leggi tutto…]

Mire cinesi sul gas Eni australiano

Arrivano dalla Cina i primi concreti segnali di interesse per gli asset australiani di Eni. Secondo indiscrezioni, tra i pretendenti c’è Roc Oil, quartier generale a Sidney ma azionariato cinese
[leggi tutto…]