Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Accordo sui tagli, vola il petrolio
01/12/2016 - Pubblicato in news internazionali,stoccaggi

A seguito dell’accordo raggiunto, l’Opec non solo si impegna a tagliare la produzione di petrolio di ben 1,2 milioni di barili al giorno, a partire da gennaio e per sei mesi prorogabili. Ma sostiene di poter contare fin d’ora sulla collaborazione della Russia (affermazione subito confermata da Mosca) e di altri produttori non Opec, per una riduzioneulterioredialtri600milabarili. Sull’altare dell’accordo - che è riuscito nel miracolo di conciliare le posizioni di Arabia Saudita, Iran e Iraq - è stata sacrificata l’Indonesia: il paese, che peraltro è un importatore netto di petrolio, uscirà dall’Organizzazione dopo esservi rientrata dopo lunga assenza solo l’anno scorso. «Per loro sarebbe stato difficile partecipare a questa decisione unanime - ha spiegato Mohammed Al Sada, ministro del Qatar e presidente in carica dell’Opec - così hanno scelto di autosospendersi». Non appena si è intravista la possibilità di un accordo, le quotazioni del barile sono arrivate a guadagnare oltre il 9%, nel caso del Brente il 10% per il Wti. In chiusura il riferimento europeo valeva 50,48 $, l’americano Wti 49,75 dollari. Le quote di produzione di ciascun paese membro sono state pubblicate – cosa che non accadeva più da dieci anni - ed è stato istituito un comitato di monitoraggio, che vigilerà sull’effettiva attuazione dei tagli e potrà anche revocarli dopo i primi sei mesi se non ci sarà la collaborazione di paesi esterni al gruppo.

Fonte: Il Sole 24Ore – Sissi Bellomo (pag. 3)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]