Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa 9,6% La percentuale di ricavi delle società dello S&P s 500 legate al petrolio. Wall Street trema per il calo dei prezzi
19/11/2018 - Pubblicato in news internazionali

Lo scorso aprile, i titoli di Wall Street legati all’energia erano stati i più bersagliati dai riscatti dei fondi d’investimento. Da quel momento, con l’indice Dow Jones che è poi rimbalzato fino a toccare il suo massimo storico i primi di ottobre, i timori per una brusca frenata della grande corsa dell’azionariato americano sono stati accontenati. Ora, con il nuovo crollo delle quotazioni del greggio, con l’indice Wti che ha perso oltre il 20% in quattro settimane, il tema si ripropone, imponendo scelte inevitabili agli investitori. Per paradosso, a provocare la caduta del prezzo del petrolio è stato il Presidente Trump, lo stesso che con le sue politiche economiche, soprattutto sul lato fiscale, è stato uno dei fattori principali della corsa alle azioni negli ultimi anni. Il suo “tweet” indirizzato ai Paesi dell’Opec ha provocato l’effetto opposto a quello sperato da paesi produttori, facendo scendere ulteriormente le quot5azioni invece di porre fine alla caduta che dura da un mese a questa parte.

Fonte: Repubblica, A&F – Luca Pagni (pag. 14)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gas, ok Arera a seconda sessione aste capacità dall’Algeria

Le difficoltà degli operatori a ottenere i requisiti di partecipazione in tempo utile ha fatto sì che l’asta tenutasi lo scorso primo luglio per l’assegnazione di capacità gas dall’Algeria presso il punto di ent
[leggi tutto…]

Cipro, Snam in gara per rigassificatore galleggiante

Snam ha presentato una manifestazione di interesse nella  gara bandita dall’azienda pubblica del gas cipriota Defa, per la realizzazione di un terminale di rigassificazione galleggiante Fsru, con relativi moli e gasdotti
[leggi tutto…]

Phase-out carbone, A2A punta sul gas anche a Monfalcone

Arriva l’ufficialità: anche a Monfalcone A2A intende sostituire la centrale a carbone con il gas. La chiusura dell’impianto esistente da oltre 300 MW potrebbe arrivare anche prima della data del 2025 fissata dal Pniec.
[leggi tutto…]