Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa 10.000 morti. Il costo all’anno del “Dieselgate”
18/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

L’Italia è il paese europeo dove l’inquinamento delle auto uccide di più. Ogni anno in Europa circa 10.000 persone muoiono a causa dell’ossido di azoto, gas nocivo emesso dai motori diesel; quasi un terzo delle vittime risiede in Italia. La ricerca svolta dall’Istituto Meteorologico Norvegese (MetNorway), in collaborazione con l’International Institute for Applied System Analysis (IIASA). Italia, Francia, Germania e Regno Unito totalizzano da soli il 70% dei decessi registrati in Europa. Se le auto diesel non avessero inquinato oltre i tetti imposti dall’Ue si sarebbero potuti evitare 5.000 morti. I trasporti sono la maggior fonte di inquinamento dell’aria, responsabile di circa 425 mila morti premature; più del 90% di queste sono decessi causati da malattie respiratorie e cardiovascolari.

Fonte: Il Fatto Quotidiano – Stefano Valentino (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, più petrolio e per compensare nascerà in Africa una superforesta

Il Piano industriale Eni da qui al 2022 prevede da un lato, l’aumento di petrolio e gas naturale estratti dai suoi giacimenti in giro per il mondo almeno del 3,5% all’anno.
[leggi tutto…]

Crisi climatica, un allarme insufficiente

Il Climate Change Performance Index (CCPI), un indicatore messo a punto congiuntamente da Germanwatch, NewClimate Institute e Climate Action Network, consente di valutare le politiche energetico-climatiche dei singoli paesi
[leggi tutto…]

Gas, mercato libero e accise: l'audizione di Eni sul Pec

In occasione dell'audizione su Sen e Piano Energia e Clima, Eni ha caldeggiato un approccio sinergico basato sulla cooperazione delle fonti in cui “la scelta delle migliori soluzioni viene lasciata al mercato”.
[leggi tutto…]